CCNL Alimentari Cooperative – Fondo Filcoop Sanitario – Contribuzione

Il Fondo Filcoop Sanitario ricorda la nuova contribuzione per l’assistenza sanitaria a partire dall’1/1/2021, così come previsto dall’accordo di rinnovo 2/12/2020 del CCNL Alimentari Cooperative

Il Fondo Filcoop Sanitario, informa che, come previsto dal Verbale di accordo del 2 dicembre 2020 per le Aziende Cooperative di Trasformazione di prodotti agricoli e zootecnici e lavorazione prodotti alimentari, a decorrere dal 1 gennaio 2021 la contribuzione da versare è pari a euro 17,50 mensili, così suddivisa:

Contributo assistenza sanitaria integrativa (Filcoop Sanitario): euro 13,50 mensili per 12 mensilità (Art. 64 CCNL);



Sostegno maternità / paternità per il periodo di astensione facoltativa post partum: euro 2,00 mensili per 12 mensilità (Art. 7 comma 2 Attività di welfare integrativo);

Contributo per attività promozionali in favore degli strumenti bilaterali di sanità e previdenza integrativa: euro 2,00 mensili per 12 mensilità (Art. 7 comma 2 Attività di welfare integrativo – Nota a verbale).

Il Fondo Filcoop Sanitario, inoltre, ricorda che, ai sensi dell’art. 64 dell’accordo di rinnovo del CCNL Alimentari Cooperative, paragrafo “Diritto alle prestazioni bilaterali”, al fine di una piena universalizzazione di tali prestazioni, a decorrere dall’1/1/2021 le imprese non aderenti alla bilateralità e che non versano il relativo contributo dovranno erogare a ciascun lavoratore un importo forfetario pari a Euro 20,00 lordi mensili per dodici mensilità.
Tale importo costituisce un elemento distinto della retribuzione (EDR) e non avrà riflesso alcuno sugli istituti contrattuali e di legge, diretti o/e indiretti di alcun genere, in quanto le Parti hanno inteso erogare tale importo come omnicomprensivo di qualsiasi incidenza. Tale importo dovrà essere erogato con cadenza mensile e mantiene carattere aggiuntivo rispetto alle prestazioni dovute ad ogni singolo lavoratore in adempimento dell’obbligo di cui al comma precedente.
In caso di lavoratori assunti con contratto part-time, tale importo è corrisposto proporzionalmente all’orario di lavoro e, in tal caso, il frazionamento si ottiene utilizzando il divisore previsto dal CCNL. Per gli apprendisti, l’importo andrà riproporzionato alla percentuale di retribuzione riconosciuta.